Guida passo passo alle regole

Introduzione

Dopo aver installato i dispositivi di AirQ Networks e configurato la centralina (seguendo le istruzioni nella pagina di supporto tecnico), le prime domande che ci si pongono sono: come posso accendere/spegnere un relè secondo un valore rilevato da un sensore? Come posso inviare un SMS o un’Email per segnalare quando ci sono problemi nel mio sistema di automazione? Come posso accendere le luci del giardino tra mezzanotte e le sei del mattino? In questa pagina è scritta la risposta a tutti questi tipi di domanda. Grazie alle regole potrai rendere il tuo sistema intelligente, con pochi passi utilizzando il software della centralina.

Le immagini sono in lingua inglese. Non preoccuparti: il software è multilingua.

Uno screenshoot di una regola

Uno screenshot dell’interfaccia grafica delle regole. Questa regola indica: “Se la temperatura rilevata dal sensore 111.0.0.0 è maggiore di 25°C, accendi la valvola di raffreddamento (relè 1 della scheda di controllo 6.0.1.10)”

Regole

In un sistema di automazione AirQ Networks, una regola definisce un comportamento, espresso con un semplice concetto: se qualcosa accade, fai alcune azioni. In altre parole, se delle condizioni sono verificate, allora esegui delle azioni. Una regola è composta quindi da condizioni e azioni.

Condizioni

Puoi esprimere le condizioni in una catena. Tutte le condizioni sono concatenate dagli operatori logici AND oppure OR.

condizione A AND condizione B AND ... AND condizione N
condizione A OR condizione B OR ... OR condizione N

Puoi anche specificare una sola condizione. La forma di una condizione è

entità1 OPERATORE DI CONFRONTO CON entità2

dove un’entità è un elemento del sistema (temperatura del sensore X, relè della scheda di controllo Y ecc…) e l’operatore di confronto è uno tra <,<=,=,>,>=.

In questo modo puoi esprimere qualcosa come “se la temperatura del sensore 101.1.2.3 è maggiore di 15°C” oppure “se l’orario è compreso tra le 16:00 e le 20:00”.

Più in avanti saranno mostrate tutte le entità disponibili per comporre le condizioni.

Azioni

Le azioni definiscono le operazioni che la centralina deve gestire. Una regola quindi è qualcosa come:

se CATENA DI CONDIZIONI è verificata
esegui AZIONE1, AZIONE2, ..., AZIONE N

Più in avanti saranno mostrate tutte le azioni disponibili.

Gestire le regole

Le regole si gestiscono usando l’interfaccia web della centralina. Puoi accedere alla pagina delle regole in tre modi:

  1. Dal menu in alto, cliccando sul pulsante Regole;
  2. Dalla vista di stato dei dispositivi, cliccando sul pulsante delle regole di un dispositivo;
  3. Dalla dashboard, cliccando sul pulsante delle regole dal menu Altro di un box.

Le regole sono raggruppate per dispositivo, quindi dopo aver fatto accesso alla pagina delle regole, sarà mostrato un menu composto di tutti i dispositivi accoppiati alla centralina. Se non ci sono dispositivi accoppiati, sarà mostrata solo la voce per la centralina.

Puoi definire qualunque regola in qualunque gruppo desideri. Il raggruppamento sul dispositivo è fatto solo per una questione di ordine.

Aggiungere una nuova regola

Per aggiungere una nuova regola, bisogna selezionare un tab e cliccare sul pulsante Aggiungi una nuova regola.

Aggiunta di una nuova regola

Un form per aggiungere una regola

Per aggiungere una nuova regola, tre parti sono obbligatorie:

  • Nome della regola;
  • Almeno una condizione;
  • Almeno un’azione.

Puoi aggiungere condizioni e azioni cliccando sul pulsante “+”.

Aggiungere condizioni

Una condizione è un confronto tra due entità. In base alla struttura dell’entità scelta, questa può stare su ambo i lati del confronto o solo su di un lato. Nell’interfaccia, una condizione è fatta di tre selezioni.

Selezione di un'entità

Selezione di un’entità nel lato sinistro di una condizione

 

selezione dell'operatore di confronto

Scelta dell’operatore di confronto per una condizione

 

Lato destro di un confronto

Selezione di un’entità per il lato destro di una condizione

Una catena di condizioni

Una catena di condizioni col l’operatore AND

Dopo aver cliccato sull’icona di aggiunta di una condizione, appaiono tre selezioni: la prima e la terza consentono la scelta di un’entità, la seconda consente la scelta di un operatore di confronto. Come puoi notare dalle immagini, sono disponibili molte entità. Puoi selezionare un dispositivo, una scena o altre entità fornite dalla centralina, come l’operatore Ora compresa tra, oppure un’altra regola. Più in avanti saranno elencate tutte le entità disponibili.

Se aggiungi più condizioni, potrai notare un quarto menù a tendina (tranne che per l’ultima condizione inserita) dove dovrai selezionare l’operatore logico (AND, OR) per concatenare le condizioni.

Ricorda che puoi selezionare solo o tutte congiunzioni o tutte disgiunzioni (Una lista di condizioni fatta di AND e OR nella stessa catena non è consentita).

 

 

Cancellare una condizione

Per cancellare una condizione, basta cliccare l’icona X posta a sinistra della condizione:

Cancellare una condizione

Eliminare una condizione cliccando sull’icona X

 

Annullare un’entità

Per annullare un’entità, cliccare sull’icona corrispondente.

Annullare un'entità

Annullare un’entità cliccando sull’icona a freccia

 

Entità

Ora sono mostrate tutte le entità che puoi scegliere per definire una condizione.

Entità numerica

Un’entità numerica consente di creare una condizione che confronta un’entità con un numero. Un’entità numerica è selezionabile su entrambi i lati di una condizione.

Selezione di un'entità numerica

Selezione di un’entità numerica per confrontare un’entità con un valore numerico.

Impostare un valore per un'entità numerica

Impostare un valore per un’entità numerica

 

Entità booleana

Un’entità booleana ti consente di creare una condizione che confronta un’entità con un valore di verità. Per esempio, se crei la condizione “se 6.1.2.3.RELAY1 = True” significa “se il relè 1 della scheda 6.1.2.3 è acceso”. Un’entità booleana è selezionabile solo sul lato destro di una condizione.

Selezione di un'entità booleana

Selezione di un’entità booleana sul lato destro di una condizione

Scelta di un valore booleano

Un valore booleano può essere True o False

 

 

Entità dei sensori

In una condizione puoi usare i dati rilevati da un sensore. Nel menu di selezione delle entità puoi selezionare tutti gli ID dei sensori accoppiati alla centralina (preceduti dal nome se l’hai assegnato nella dashboard o nella vista di stato dei dispositivi). Il dato principale dipende dal tipo di sensore. Per esempio, un sensore AirQ 101 fornisce la temperatura, un AirQ 110 fornisce l’umidità, un AirQ 111 entrambe le grandezze. Gli altri dati selezionabili sono comuni a tutti i sensori e sono il livello del segnale, il livello della batteria e lo stato del collegamento. Il dato principale, il livello di segnale e il livello della batteria sono confrontabili con un numero o un altro dato di un sensore. Lo stato del collegamento è confrontabile con un booleano (True or False).

Puoi scegliere il dato di un sensore su entrambi i lati di una condizione.

Selezione del tipo di dato di un sensore

Selezione del tipo di dato di un sensore

Confronto tra una temperatura ed un sensore

Un’entità del sensore confrontata con un’entità numerica (la temperatura di 101.2.1.0 è maggiore di 10)

 

Entità delle schede di controllo

Puoi realizzare condizioni basate sullo stato delle schede di controllo. Nel menu di selezione delle entità puoi selezionare gli ID delle schede di controllo accoppiate alla centralina (preceduto dal nome se lo hai assegnato nella dashboard o nella vista di stato dei dispositivi). A seconda del modello di scheda di controllo, puoi scegliere gli input e gli output forniti dalla scheda. Per esempio, una AirQ 300 fornisce 4 input e 2 relè.

Oltre allo stato degli I/O, è possibile scegliere il livello del segnale (confrontabile con un numero o un’entità analoga), verificare se una scheda di controllo è collegata alla centralina e se la scheda ha la batteria tampone è possibile verificare se è alimentata a rete elettrica o batteria.

Se hai selezionato un’opzione per il lato sinistro, tranne il livello del segnale, il lato destro è completato automaticamente con un’entità booleana. In ogni caso puoi cambiare l’entità a tuo piacere.

opzioni per una entità di una scheda di controllo

Scelta delle entità per una scheda di controllo AirQ 300

Condizione per verificare lo stato di un relè

Una condizione che verifica se un relè è spento

 

Se una scheda di controllo ha la funzionalità per la misurazione del consumo dei dispositivi collegati ai relè, puoi scegliere anche l’opzione per il consumo. In questo modo puoi confrontare le misure di due relè oppure confrontare una misura con un numero (che in questo caso esprime un valore in watt).

Condizione per il consumo di uno scaldabagno

Una condizione che verifica se il boiler connesso al relè 1 consuma più di 1000 watt.

 

Entità timer

L’entità “Ora compresa tra” ti consente di creare una condizione temporizzata e quindi verificare se l’ora corrente è interna all’intervallo specificato. Per definire l’intervallo Da-A si utilizzano i due campi dell’entità. Se il campo di destra ha un valore inferiore a quello di sinistra, vuol dire che l’intervallo specificato passa per la mezzanotte. (Es. se l’intervallo specificato è 14:00-08:00, l’intervallo temporale inizia alle 14 e termina alle 8 del giorno successivo, includendo la mezzanotte). Puoi scegliere quest’entità solo sul lato sinistro di una condizione.

Entità Ora Compresa Tra

Una condizione che diventa vera se l’orario corrente è compreso nell’intervallo specificato

 

Entità meteo

Puoi realizzare una condizione basata sulle condizioni del meteo. Dopo aver selezionato la voce meteo, puoi scegliere una delle seguenti entità: condizioni del meteo, temperatura, umidità, pressione, wind chill, direzione del vento e velocità del vento. La città scelta per le previsioni dipende dalla configurazione del widget del meteo in Configurazione->Impostazioni generali->Impostazioni widget meteo. Tutte le entità meteo, tranne quella per le condizioni meteorologiche, sono confrontabili con un numero. L’entità per le condizioni meteorologiche ti consente di eseguire azioni se le condizioni meteo sono verificate. Così ad esempio potresti chiudere una tapparella se c’è un temporale. Quest’opzione è confrontabile con un booleano.

Condizione del meteo

Puoi realizzare una condizione sulle condizioni meteorologiche

Grazie all’entità meteo è possibile definire le condizioni “all’alba” oppure “al tramonto”. In tal caso la condizione ha il significato “dall’orario dell’alba fino all’ora successiva” oppure “dall’orario del tramonto fino all’ora successiva”. Per esempio, se l’orario dell’alba è alle 6:30, la condizione sarà valida fino alle 7:30. Se si vogliono eseguire azioni solo una volta all’alba (o al tramonto), basta specificare la durata dell’azione

 

Operatori aritmetici

Partendo dal lato destro di una condizione, puoi realizzare un’espressione più complessa usando gli operatori aritmetici (+,,*,/).

Ora sarà fatto un esempio per mostrare l’uso degli operatori aritmetici nelle regole. Supponi di avere due sensori AirQ 111 (per ognuno di essi, ti è la temperatura e hi è l’umidità) e devi esprimere la seguente formula:

t_1>(1,2*(t_2*h_2))/h_1

Puoi realizzare una condizione come mostrato nella seguente immagine:

Una condizione con l'uso di operatori aritmetici

Una condizione fatta usando gli operatori aritmetici

Una condizione con l'uso di operatori aritmetici

Dalla precedente immagine, puoi vedere in evidenza la struttura ad albero dell’espressione. Partendo dalla formula, devi selezionare gli operatori aritmetici rispettando l’ordine di precedenza delle parentesi. Nell’esempio, devi scegliere in sequenza:

  1. L’operatore logico >. Sul lato sinistro è stato definito t_1 usando un’entità sensore; sul lato destro è presente il resto della formula.
  2. L’operatore aritmetico /. Sul lato destro è stato definito h_1 usando un’entità sensore; sul lato sinistro è presente il resto della formula.
  3. L’operatore aritmetico *. Sul lato destro è stato definito il numero 1.2 usando un’entità booleana; sul lato destro è presente il resto della formula.
  4. L’operatore aritmetico *. Sul lato sinistro è stato definito t_2 usando un’entità sensore; sul lato destro è stato definito h_2 usando un’entità sensore.

Entità scenario

Si possono costruire condizioni usando lo stato di uno scenario. Si può controllare se uno scenario è ON/OFF oppure abilitato/disabilitato. Entrambe le entità sono confrontabili con un booleano.

Condizione per uno scenario

Una condizione con un’entità scenario

Entità regola

Si possono costruire scenari usando lo stato di un’altra regola (verificare se la scena selezionata è attiva). Questa entità è confrontabile con un booleano.

Una condizione con l'entità regola

Una condizione che controlla lo stato di un’altra regola

Azioni

Ora elenchiamo tutte le azioni che si possono usare nelle regole.

Come per le condizioni, puoi aggiungere, cancellare o annullare un’azione cliccando sulle corrispondenti icone.

Dopo che hai aggiunto una nuova azione, puoi scegliere un dispositivo, uno scenario, una regola oppure una notifica SMS/E-mail.

Un esempio di azione

Un esempio di azione, con un ritardo e una durata non impostata

Ogni azione ha due parametri che modificano il comportamento di default di un’azione:

  • Delay (ritardo). Questo valore permette di ritardare di n secondi l’azione se le condizioni delle regole sono verificate. Se il valore è 0 (valore di default), non c’è ritardo.
  • Duration (durata).Questo valore, in secondi, rappresenta l’intervallo della validità dell’azione. L’intervallo inizia da quando le condizioni della regola sono verificate fino agli n secondi specificati per la durata. Dopo questo tempo, l’azione non può più essere eseguita, ma lo sarà solo dopo che la catena di condizioni cambia il proprio stato (passa allo stato non verificato e poi si verifica di nuovo). Se il valore del parametro è 0 (valore di default), non c’è la durata. Questo parametro può essere adoperato per evitare possibili conflitti tra le varie regole che sono state specificate per il proprio sistema.

Azioni delle schede di controllo

Puoi accendere/spegnere oppure “pulsare” i relè di ogni scheda di controllo collegata.

azioni per una scheda di controllo

Una lista di azioni per una scheda AirQ 305

Accendere un relè

Un’azione che accende un relè

 
spegnere un relè

Un’azione che spegne un relè

pulsare un relè

Un’azione che pulsa un relè

 

Puoi anche accendere/spegnere più relè contemporaneamente usando l’azione “Accendi/spegni gruppo di relè”.

spegnere un gruppo di relè

Quest’azione accende i relè 1 e 3 della scheda 5.0.1.27

Azioni per gli scenari

Puoi accendere/spegnere oppure abilitare/disabilitare uno scenario usando un’azione. Se hai selezionato l’opzione ON/OFF e per il menu a tendina accanto ha selezionato il valore True, lo scenario si avvia, altrimenti si spegne. Se hai selezionato l’opzione “Abilita” e il menu a tendina accanto ha valore True, l’azione abilita lo scenario, altrimenti la disabilita.

Azione per uno scenario

Un’azione per gestire uno scenario

Azioni per attivare altre regole

Puoi avviare/sospendere un’altra regola usando un’azione.

attivare e disattivare una regola usando un'azione

Un’azione che avvia la regola Server-alarm

Azioni per le notifiche

Puoi impostare un’azione che ti consente di inviare un e-mail o un SMS, scegliendo rispettivamente le azioni sendEmail oppure sendSMS. Dopo aver scelto una di queste azioni, apparirà il pulsante pulsante per il popup delle notifiche. Cliccando su di esso si accede al modulo di configurazione della notifica.

Per inviare le notifiche bisogna assicurarsi che la centralina sia connessa a Internet. Gli SMS possono essere inviati solo se si ha a disposizione di una quantità sufficiente nel proprio account MyHome/Igloo, altrimenti l’SMS non può essere inviato.

popup per le notifiche Email

Per aggiungere una notifica per e-mail, bisogna specificare:

  • L’oggetto della e-mail;
  • Uno o più indirizzi (separati da una virgola);
  • Il testo del messaggio.
 
Popup per le notifiche SMS

Per inviare una notifica per SMS bisogna specificare:

  • Uno o più numeri di telefono, ciascuno dei quali composti di un prefisso e numero;
  • Il corpo del messaggio. La lunghezza massima consentita è di 160 caratteri.
 

Diamo uno sguardo alla colonna sinistra del popup e al corpo del testo nelle due precedenti immagini. Se dalla colonna sinistra si sceglie un’entità per uno dei dispositivi elencati (le stesse usate per le condizioni), dalla posizione del cursore nel corpo del testo, sarà aggiunta una stringa nella forma “<V>dispositivo.entità</V>” . Quando la catena di condizioni è verificata, prima di inviare l’Email/SMS, il software rimpiazza la stringa col corrispondente valore dell’entità. Per esempio, la stringa “<V>(101.2.1.0).TEMP</V>” significa “l’ultima temperatura rilevata dal sensore 101.2.1.0”.

Per decidere ogni quanto tempo deve essere inviata una notifica, basta accedere ->Configurazione->Credenziali di accesso->Frequenza di invio dei messaggi e impostare i valori corrispondenti. Per default la frequenza è di 3600 secondi sia per le e-mail che per gli SMS.

Operazioni sulle regole

Dopo che hai creato una regola, potrai osservarla nella lista delle regole per il gruppo del dispositivo scelto.

lista di regole

Lista delle regole per il gruppo del dispositivo selezionato

Dalla lista delle regole è possibile fare le seguenti operazioni:

  • Aggiornare una regola. Puoi modificare il nome, le condizioni e le azioni. Per salvare cliccare sul pulsante Aggiorna;
  • Cancellare una regola, cliccando sul pulsante Elimina;
  • Avviare/Sospendere una regola. Dopo avere aggiunto una regola, questa è automaticamente avviata. Cliccando sull’icona Sospendere una regola, la regola si sospende e l’esecutore di regole non valuterà più la regola. Dopo aver sospeso una regola,l’icona diventa start a rule. Cliccando su di essa la regola sarà riavviata.
  • Accedere al registro delle regole. Il software della centralina archivia un registro delle regole, dopo puoi osservare lo storico degli stati di una regola (anomalie, messaggi inviati ecc…). Per accedere al registro bisogna cliccare sull’icona pulsante log delle regole.

Registro delle regole

Come descritto prima, puoi accedere al registro di una regola che mostra tutti i suoi stati precedenti. Nella colonna Messaggio puoi osservare il dettaglio dell’azione eseguita oppure un’eventuale anomalia del software; nella colonna Successo puoi verificare se l’azione registrata ha avuto successo.

Log di una regola