Monitoraggio di un gruppo elettrogeno

Il monitoraggio remoto dei gruppi elettrogeni è un’importantissima applicazione per installatori e manutentori di impianti. Con i prodotti di AirQ Networks è possibile configurare un’applicazione per il monitoraggio in modo semplice ma efficiente. Conoscere se un gruppo elettrogeno è attivo oppure se ci sono anomalie è utilissimo per i manutentori, i quali, conoscendo lo stato del gruppo elettrogeno a distanza, possono pianificare manutenzioni o interventi di assistenza in modo migliore.

In questo esempio l’applicazione rileverà:

  1. Se il gruppo elettrogeno è attivo;
  2. Se la rete è attiva (e il gruppo genera elettricità).

Sarà possibile controllare:

  1. L’avviamento del motore;
  2. Lo spegnimento del motore.

Di solito un gruppo elettrogeno è sempre affiancato da un quadro elettrico, dal quale l’utente può accendere il motore tenendo premuto un pulsante collegato al motorino di avviamento, fin quando il motore non parte. Un altro pulsante permette lo spegnimento del motore e alcuni LED si illuminano in caso di allarme.

Si possono anche impostare allarmi, per esempio inviare un SMS se il motore non genera elettricità.

Un gruppo elettrogeno

Un gruppo elettrogeno

 

Le immagini sono in lingua inglese. Non preoccuparti: il software è multilingua.

Materiale richiesto

Per realizzare l’applicazione abbiamo bisogno di:

  • N°1 scheda di controllo con almeno 2 input e 2 relè, come la AirQ 305 oppure la AirQ 325; la scheda sarà alloggiata in un contenitore a barra DIN a 5 unità.
  • N° 1 centralina HomeNET;

La scheda di controllo sarà alimentata collegandola direttamente dalla batteria del motore. In alternativa, si può adoperare un alimentatore a barra DIN e quindi inserirlo con la scheda nel quadro elettrico del gruppo elettrogeno.

Istruzioni passo passo

Il prossimo paragrafo descrive come configurare l’hardware e il software dell’applicazione.

Configurazione Hardware

Il primo passo è il montaggio della AirQ 305 (oppure la 325). La scheda quindi sarà messa accanto o nel quadro elettrico.

Di seguito sono elencati i collegamenti richiesti:

  • Alimentazione (terra e +12V) dal quadro elettrico alla scheda di controllo;
  • Relè 1 al pulsante di accensione;
  • Relè 2 al pulsante di spegnimento;
  • IN1 al segnale di allarme “motore attivo”;
  • IN2 al segnale di allarme “rete attiva”.

Infine, l’unità di controllo HomeNet deve essere collegata a una presa di corrente utilizzando un cavo UTP e alimentare l’unità usando un alimentatore di switching.

una scheda di controllo collegata ad un quadro elettrico

Schema di collegamento di una scheda di controllo al quadro elettrico di un gruppo elettrogeno

Configurazione Software

Il secondo passo è la configurazione del software. Non è richiesta alcuna installazione di software sul proprio PC o Smartphone: per usare tutte le funzionalità, la centralina fornisce un web server interno (chiamato anch’esso HomeNET).

Il web server consente di effettuare la configurazione di base e definire la logica dell’applicazione. Puoi accedere a HomeNET utilizzando un browser, come Google Chrome o Mozilla Firefox, e usare l’indirizzo IP della centralina. L’indirizzo IP della centralina è generato in DHCP. Per ottenere l’indirizzo, bisogna usare il programma HomeNET Finder.

http://192.168.1.210:9090

Per la configurazione di base, accedere alla pagina Supporto.

Dopo che la scheda di controllo è stata installata e accoppiata alla centralina, se si fa accesso alla vista di stato dei dispositivi, sarà mostrato il box della scheda:

Scheda di controllo per un gruppo elettrogeno

Un box nella vista di stato dei dispositivi per una scheda di controllo, usata per gestire il gruppo elettrogeno

Cliccando sulle icone per i relè 1 e 2, è possibile rispettivamente accendere e spegnere il motore. Cliccando sui nomi degli input e dei relè si possono assegnare dei nomi. Dall’immagine precedente, il relè 1 ha il nome engine ignition e il relè 2 ha il nome engine shutdown. IN1 e IN2 hanno rispettivamente i nomi engine ON e network ON.

Configurazione della dashboard

Sarebbe preferibile usare un pannello grafico che evidenzia solo il necessario, quindi solo i primi due input e i primi due relè. Pertanto si può adoperare la dashboard e ottenere un pannello di controllo come nella seguente immagine:

dashboard per la gestione di un gruppo elettrogeno

Il prossimo video mostra come configurare la dashboard per l’applicazione:

Definire la logica di sistema

Per definire gli allarmi e altri comportamenti complessi dell’applicazione bisogna usare le regole.

Dato che i comandi sul quadro elettrico sono pulsanti e i relè della scheda di controllo sono bistabili (lavorano come interruttori), bisogna definire una logica che permette l’uso dei relè come fossero pulsanti di avviamento. Sul quadro elettrico, il pulsante di avviamento è collegato a un motorino di avviamento. Tenendo premuto il pulsante, il motorino è avviato per accendere il motore. Quando si rilascia il pulsante, il motorino si spegne. Durante la pressione il motore del gruppo si accende (in caso contrario c’è qualche problema sull’impianto del gruppo). In pratica è lo stesso comportamento dell’accensione a chiave di un’automobile.

Se si clicca sul relè 1 dalla dashboard, il motorino di avviamento tenta di accendere il motore del gruppo, e se si dimentica di spegnere il relè1, il motorino continua a lavorare, col rischio di rompersi o scaricare la batteria del gruppo. Per evitare ciò basta aggiungere una regola. Supponendo che nel peggiore dei casi il motorino possa avviare il gruppo in 5 secondi, si possono definire le seguenti regole:

  1. Se il relè 1 è acceso, deve essere spento dopo 5 secondi;
  2. Se il gruppo elettrogeno è avviato, il relè 1 deve essere spento.

La prima regola ci assicura che dopo avere acceso il relè 1, il gruppo deve avviarsi nei 5 secondi. La seconda spegne il relè 1 nel caso in cui il gruppo si sia avviato prima di 5 secondi. In termini di regole:

  1. Condizione: se <BOARD>.<RELAY1>=True; azione: <BOARD>.<RELAY1>=False DELAY 5 secondi.
  2. Condizione: se <BOARD>.<IN1>=True; azione: <BOARD>.<RELAY1>=False.
spegni il relè 1 dopo 5 secondi

Questa regola spegne il relè 1 dopo cinque secondi

Spegni il relè 1 se il gruppo elettrogeno si è avviato

Questa regola spegne il relè 1 se il gruppo elettrogeno si è avviato

 

Dato sul quadro elettrico anche lo spegnimento è un pulsante, bisogna definire una regola sul relè 2:

  • Se il relè 2 è acceso, deve essere spento dopo 5 secondi.

 

spegni il relè 2 dopo cinque secondi

Questa regola spegne il relè 2 dopo cinque secondi

 

Le regole sono usare anche per definire gli allarmi. Il web server può inviare SMS a un numero telefonico se il motore non genera corrente elettrica.

Se un motore non genera corrente elettrica, vuol dire che il motore è accesso ma il segnale di rete è spento. La regola quindi è composta da:

  • Condizioni: il motore è acceso e il segnale “network on” è spento;
  • Azione: invia un SMS a un numero telefonico.
manda un SMS se il segnale di rete è spento

Una regola che invia un SMS se il gruppo elettrogeno non genera corrente elettrica